No alla guerra nel nord della Siria

Mobilitazione per il giorno X – Smash Turkish Fascism

Come campagna RiseUp4Rojava, Comune internazionalista del Rojava e Giovani donne internazionaliste, chiediamo una mobilitazione mondiale contro la crescente minaccia di una nuova invasione turca su larga scala della Siria del Nord/Rojava.

Alla luce degli sviluppi delle ultime settimane, con la presente rinnoviamo la nostra chiamata per il Giorno X del 2019, che è stata la base per centinaia di migliaia di persone in tutto il mondo per scendere in piazza il 9 ottobre 2019, in risposta all’attacco dell’esercito turco contro le città di Serêkaniyê e Girê Spî, contro la guerra e solidali con la resistenza. La guerra e la resistenza non si sono mai fermate. Usando un’ampia varietà di mezzi, lo stato turco ha continuamente attaccato il Movimento di liberazione in Kurdistan, sia nel nord/Turchia, nel sud/Iraq e nel nord della Siria/Rojava. Contro il movimento e il popolo si sta conducendo una guerra a “bassa intensità” e di tanto in tanto ad “alta intensità”.

La popolazione del nord della Siria sta resistendo a questa guerra in corso contro i vari popoli della regione, che desiderano una vita insieme pacifica e rispettosa. Dal 2012 hanno preso in mano il loro destino e da allora hanno cercato di costruire una società democratica e autogestita. In particolare, la libertà delle donne e il ruolo pionieristico delle donne all’interno della società e nella difesa delle conquiste della rivoluzione svolgono un ruolo importante in questo. Dopo che il popolo del Rojava è stato in grado di difendersi con successo dall’IS, lo stato turco ha iniziato attacchi mirati contro la regione. Da allora, lo stato fascista turco ha occupato regioni chiave dell’amministrazione autonoma democratica nel nord della Siria in tre operazioni nel 2016, 2018 e 2019. Le conseguenze di ciò sono sfruttamento, oppressione e cambiamento demografico forzato.

Da circa un mese, la retorica di guerra del governo fascista turco nei confronti delle aree autoamministrate della Siria del Nord/Rojava si è intensificata ancora una volta. Le truppe vengono dispiegate in vari punti di confine, gli scontri in prima linea aumentano e il governo fascista AKP-MHP in Turchia sta chiaramente cercando sia internamente di creare nel “proprio paese” sia esternamente l’umore per la nuova guerra così da ottenere il necessario appoggio politico-economico-diplomatico per una rinnovata grande offensiva. Ed è proprio questo punto che è essenziale per noi: lo Stato turco sta conducendo la sua politica dittatoriale di genocidio e assimilazione con il sostegno internazionale. Senza questo supporto di natura militare, finanziaria, logistica e politico-diplomatica, le guerre di aggressione della Turchia e la sua politica estera aggressiva sarebbero impensabili: la Siria, Il nord dell’Iraq, la guerra in Kurdistan, Qarabağ-Armenia, Libia, Cipro: tutti questi sono prodotti diretti o indiretti del sostegno internazionale che lo stato turco riceve per i suoi crimini. Vogliamo porre fine a tutto questo con un fronte internazionale contro il fascismo turco.

Nell’ottobre 2019 abbiamo visto che abbiamo il potere di esercitare pressione internazionale sul fascismo turco. Abbiamo anche dimostrato che possiamo causare enormi danni allo stato fascista turco e all’apparato bellico concentrandoci su obiettivi fisici di interesse turco nei nostri paesi, mettendo insieme le nostre forze comuni. Insieme alle forze di autodifesa popolare e al popolo nel nord della Siria, siamo anche noi parte della resistenza mondiale. Dobbiamo quindi anche fare la nostra parte e adempiere alla nostra responsabilità nella difesa della rivoluzione!

Ecco perché ci stiamo mobilitando per il Giorno X di una rinnovata invasione contro le aree liberate nel nord della Siria. Preparati, perché i segnali mostrano che può iniziare in qualsiasi momento!

Ora è il momento di prepararci, di mobilitarci, di combattere insieme sullo stesso fronte e di essere consapevoli del pericolo! Dobbiamo vedere le nostre lotte per la libertà come connesse e combattere con un comune spirito di resistenza. Come forze democratiche in tutto il mondo, dobbiamo costruire una resistenza politica duratura che possa impedire la collaborazione con il fascismo turco nei nostri paesi.

Per questo è necessario porre la questione all’ordine del giorno ovunque e agire ORA: nelle strade, nei media, nelle fabbriche, nelle aziende, in tutti i luoghi di lavoro, nelle aule, ecc. nei nostri paesi; allora possiamo sviluppare una forza comune contro i piani di guerra della Turchia.

Se arrivasse il Giorno X, l’inizio di una nuova invasione turca, allora: scendiamo in piazza, agiamo, occupiamo, distruggiamo e blocchiamo! Insieme difendiamo la rivoluzione e facciamo tornare la guerra indietro ai responsabili, ai profittatori, alle aziende e ai governi!

Segui il nostro account Twitter: https://twitter.com/riseup4rojava2

e la nostra mappa d’azione: https://riseup4rojava.org/take-action/

Insieme possiamo fermare la guerra e l’aggressione turca! Nessuna guerra contro il Kurdistan e la Siria del Nord!

#RiseUp4Rojava

#SmashTurkishFascism