Valutazione dell’attuale situazione politico-militare in Kurdistan, 29 giugno 2021

Il progetto della moderna guerriglia professionale

– Speranza dei popoli oppressi del 21° secolo

Oggi scriviamo il 65esimo giorno dell’eroica resistenza della guerriglia nelle zone di confine delle Aree di Difesa di Medya. Il 23 aprile, l’esercito di occupazione turco ha lanciato un assalto a tutto campo contro le regioni controllate dalla guerriglia di Metîna, Zap e Avaşîn. L’operazione su larga scala è stata denominata “ClawLightning and Claw Thunderbolt”. È un’operazione che si collega direttamente alla spirale di escalation degli ultimi 6 anni con cui la dittatura fascista AKP-MHP della Turchia ha fatto di tutto per spezzare la volontà di libertà e di resistenza del popolo curdo e di tutte le forze antifasciste della regione. Questo attacco è la continuazione della guerra nelle città del Kurdistan settentrionale nel 2015 e 2016, l’invasione di Efrîn nel 2018, Girê Spî e Serêkaniyê nel 2019, nonché le guerre di aggressione contro i guerriglieri nelle aree di Xakurkê e Heftanîn.

Il concetto di “metterli in ginocchio”:

Già nell’ottobre 2014, al culmine della resistenza a Kobanê contro l’ISIS e mentre in Turchia e nel Kurdistan settentrionale regnava un cessate il fuoco dal Newroz 2013, la leadership dello stato turco ha deciso per il piano “metterli in ginocchio” (Plana Çokdanîne). In poche parole, questo piano mira a mettere in ginocchio il Movimento di liberazione curdo e soprattutto la sua avanguardia, il PKK. Di conseguenza, tutte le risorse militari, finanziarie-economiche e politico-diplomatiche a disposizione dello stato turco sono state mobilitate negli ultimi 6 anni. Erdoğan e il governo AKP-MHP vedono questa guerra come l’unico modo per mantenere il potere e realizzare le loro aspirazioni imperiali.

Era la fine dell’estate del 2014 quando il popolo del Rojava e le sue forze di difesa YPG e YPJ si sono opposti eroicamente all’avanzata dell’ISIS. Allo stesso tempo, dopo che i Pesmerga del KDP hanno abbandonato le loro posizioni su tutte le linee del fronte, i guerriglieri HPG e YJA-Star nel Kurdistan meridionale/Iraq settentrionale si sono precipitati in aiuto degli Yezidi a Şengal in un’operazione storica e hanno posto fine all’avanzata del Bande islamiste su Kerkuk, Maxmur e Hewler. Ispirati dalla rivoluzione in Rojava e dalla resistenza contro l’ISIS, milioni di persone in tutto il mondo sono scese in piazza e hanno dichiarato la loro solidarietà. Emerse un nuovo movimento internazionale.

Durante la rivolta di ottobre nel Kurdistan settentrionale, dal 5 al 9 ottobre, i popoli hanno fatto tremare di paura e ansia i governanti della Turchia per alcuni giorni. Le istituzioni dello stato e del governo sono andate in fiamme ei soldati non hanno osato uscire dalle loro caserme. Il 2014 è stato un anno di duro confronto e il movimento rivoluzionario è cresciuto da allora ed è diventato più forte e più grande giorno dopo giorno. Il Rojava ha resistito con successo e ha conquistato il cuore di molte persone in tutto il mondo, nel Kurdistan settentrionale e in Turchia le masse si sono organizzate ed è nato il progetto dell’HDP, nel sud i guerriglieri hanno guadagnato una popolarità mai vista attraverso il loro intervento disinteressato e abnegato contro l’ISIS.

Lo stato turco aveva sperato di utilizzare il periodo del cessate il fuoco per ammorbidire il movimento e annacquare i suoi principi ideologici, invece la lotta armata ha attirato più persone di quanto non avesse fatto nel tempo. Solo nell’agosto 2014, Murat Karayilan ha dichiarato che più di 1.000 uomini e donne si erano uniti alla guerriglia nel corso di un solo mese. La resistenza a Kobanê è rimasta incrollabile nonostante l’apparente superiorità dell’ISIS, anche perché i guerriglieri e centinaia di giovani del nord sono partiti, hanno attraversato il confine con Kobanê, si sono uniti alla resistenza in prima linea e per la maggior parte hanno dato la vita per prevenire ad ogni costo la caduta di Kobanê. Questa realtà che il governo di Erdoğan ha dovuto affrontare nel 2014 ha fatto concludere che solo una completa soppressione della parte più dinamica della rivoluzione, il popolo nel Kurdistan settentrionale e l’annientamento dell’avanguardia di questo Movimento di liberazione potrebbero assicurare la sua esistenza e il suo potere.

Il popolo, la guerriglia, la leadership organizzativo-ideologica del Pkk vanno “messi in ginocchio”. Di conseguenza, Abdullah Öcalan è stato nuovamente messo in completo isolamento nell’isola carceraria di Imrali dall’aprile 2015. Sono state prese tutte le misure per impedire all’HDP di entrare in parlamento nelle elezioni del 2015, anche se ovviamente senza successo, e il 24 luglio 2015, l’esercito di occupazione turco ha finalmente iniziato la fase di guerra, che dura ormai da 6 anni, lanciando un attacco a tutto campo contro le aree di difesa di Medya controllate dalla guerriglia nel Kurdistan meridionale/Iraq settentrionale. I guerriglieri hanno risposto sciogliendo il cessate il fuoco, che fino ad allora era stato comunque dichiarato solo unilateralmente. Il popolo ha proclamato l’autoamministrazione autonoma e democratica in diverse regioni del Kurdistan settentrionale e ha fondato le Unità di autodifesa civile, YPS. Né il popolo né i guerriglieri si sono lasciati soggiogare e mettere in ginocchio, ma continuano a tener duro, difendendo la propria dignità. Da allora sono successe molte cose, ma la guerra continua senza sosta. Il Kurdistan settentrionale, il Kurdistan meridionale e il Rojava (Kurdistan occidentale) sono collegati in questa guerra, anche se sono stati separati con la forza da confini fisicamente tracciati, e questo è ciò che tutti dobbiamo capire. La lotta nelle diverse parti del Kurdistan non può essere considerata separatamente. Senza i guerriglieri, la rivoluzione in Rojava non sarebbe mai stata possibile. I guerriglieri hanno difeso Kobanê nel 2014/2015 e non hanno mai smesso di essere responsabili della difesa della rivoluzione in Rojava e di sacrificarsi quando necessario. La guerriglia è il garante dell’autonomia della rivoluzione in Rojava. La situazione e gli eventi nell’intera regione, sia le diverse parti del Kurdistan che gli stati occupanti e i paesi vicini sono inseparabilmente intrecciati. Da un lato, questo è uno dei motivi per cui la lotta e la situazione nella regione sono così incredibilmente complicate, dall’altro questa realtà dimostra l’enorme potenziale di una rivoluzione possibile e di successo in questa regione.

Con l’obiettivo di distruggere i guerriglieri, l’esercito di occupazione fascista turco ha lanciato la sua operazione contro la regione di Xakurkê nel 2018, la sua operazione contro Heftanîn nel 2019 e nel 2020, e recentemente ha provato ad infliggere un duro colpo al centro della guerriglia occupando la regione di Gare questa primavera.

Gare – La vendetta e la vittoria della guerriglia

La regione montuosa di Gare è un luogo strategicamente importante per la guerriglia. A differenza di Metîna, Avaşîn, Zap, Heftanîn e Xakurkê, ad esempio, Gare non si trova al confine con il territorio turco, ma più nell’entroterra a sud. A questo proposito, Gare ha sempre avuto il vantaggio per la guerriglia di non trovarsi in prima linea, offrendo spazio per il lavoro organizzativo, educativo, ecc., nonostante gli attacchi aerei e la sorveglianza dei droni.

Il 10 febbraio di quest’anno, l’esercito di occupazione turco ha lanciato un’operazione su vasta scala per invadere la regione della Gare. Anticipato ed accompagnato da massicci bombardamenti e sorveglianza aerea su tutta l’area, l’esercito turco ha inviato centinaia delle sue forze speciali con elicotteri dal sud, cioè dall’area del KDP, a Gare. Già dal primo giorno hanno tentato di conquistare le vette strategiche della zona, fallendo miseramente per la risposta diretta dei guerriglieri. Ovunque l’esercito turco sganciava i suoi soldati, nonostante ore di precedenti bombardamenti, i guerriglieri erano pronti e colpivano peantemente gli invasori.

È ovvio quale fosse il piano. Volevano avanzare in una delle aree centrali della guerriglia con questa operazione blitz a sorpresa, per stabilirvi un punto d’appoggio permanente. Per giorni l’intera area è stata bombardata dall’aria senza interruzione. Alla fine l’esercito turco ha usato armi chimiche in una grotta, nella quale si trovavano prigionieri di guerra, soldati turchi e ufficiali del MIT, uccidendo sia la propria gente che gli amici guerriglieri, guidati da Şehîd Şoreş, che da giorni resistevano sul campo. Dopo 4 giorni, però, il modernissimo esercito turco, il secondo più grande esercito della NATO, è stato sconfitto e costretto alla ritirata. In questo senso, il 14 febbraio di quest’anno segna una storica vittoria della guerriglia. Ancora una volta sono stati i guerriglieri a difendere il Rojava. “Perché?”, qualcuno potrebbe chiedersi. Cosa c’entra l’uno con l’altro? Dopotutto, Gare si trova nel Kurdistan meridionale/Iraq settentrionale e il Rojava si trova nel nord della Siria. Questo è corretto, ma non è questo il punto.

A Gare è stata vendicata l’occupazione di Efrîn, Girê Spî e Serêkaniyê. Le migliaia di combattenti caduti, le donne, i bambini e gli uomini assassinati dallo Stato turco e dai suoi scagnozzi sono stati vendicati a Gare. Il mito e la propaganda secondo cui anche i guerriglieri sono in definitiva impotenti contro la superiorità dello Stato è stato nuovamente infranto ed è stato smascherato come una bugia. Gare è stata una vittoria per tutti noi, in Kurdistan e nel mondo, una vittoria per tutti noi che abbiamo marciato fianco a fianco con la resistenza antifascista degli ultimi anni e abbiamo intrapreso in diversi modi la lotta contro il fascismo turco e i suoi collaboratori internazionali. Per quanto lo Stato turco cerchi di nascondere e distorcere la verità con menzogne ​​propagandistiche, per quanto cerchi di spezzare la resistenza con l’ampia e massiccia campagna militare contro la guerriglia attualmente in corso, non sarà in grado di cancellare la vittoria, la vittoria della guerriglia a Gare. L’esercito turco è stato messo in ginocchio a Gare e proprio ora viene messo in ginocchio ogni giorno sulle montagne, a Metîna, a Zap e ad Avaşîn. Per evitare imbarazzo, l’esercito turco ricorre all’uso delle sue forze paramilitari, delle bande islamiste siriane, delle guardie del villaggio e degli scagnozzi del KDP. Meno soldati turchi, il cui morale è spezzato, vengono inviati al fronte, ma altre forze vengono inviate come carne da cannone. In questo contesto gioca un ruolo centrale il KDP, impegnato da mesi ad accerchiare le zone di guerriglia del Sud e a provocare un’escalation che porterebbe a una fatale guerra intracurda. E anche se il KDP meriterebbe di essere ritenuto responsabile dei suoi crimini, una tale escalation sarebbe nel pieno interesse e scopo del fascismo turco. La situazione è grave e la guerra è in una fase critica, decisiva. Anche lo Stato turco ne è consapevole e di conseguenza non lascia nulla di intentato per poter avanzare. Armi chimiche e gas velenosi vengono utilizzati dall’esercito turco a Metîna, Zap e Avaşîn per catturare i tunnel e le grotte di difesa della guerriglia. Nonostante tutto, la guerriglia continua a resistere da più di 60 giorni. Allo stesso tempo, è interessante notare che la propaganda dello Stato fascista turco, che normalmente accompagna qualsiasi operazione militare, questa volta è stata relativamente modesta e riservata. Ovviamente la decisione è stata quella di non fare troppo clamore per evitare un possibile imbarazzo come quello di Gare.

Il concetto della guerriglia moderna

Da 65 giorni ormai, le giovani donne e gli uomini dell’HPG e della YJA-Star resistono 24 ore su 24, 7 giorni su 7. Di fronte a un modernissimo esercito della Nato, che ha ricevuto il via libera per la sua campagna di distruzione dai suoi partner Nato USA ed Europa e appoggiato dai collaboratori del KDP nel Kurdistan meridionale, i guerriglieri non hanno altro che la volontà di resistere e di vincere contro il fascismo. È questa volontà e con essa la realizzazione del progetto di “guerriglia moderna” del 21° secolo che fanno sì che anche dopo 65 giorni lo stato turco non abbia ancora raggiunto significative conquiste territoriali. La vittoria a Gare e la resistenza ininterrotta dei guerriglieri sono il risultato della determinazione rivoluzionaria della guerriglia apoista, nonché della ristrutturazione e riorganizzazione degli ultimi anni verso una guerriglia moderna e professionale. La capacità di HPG e YJA-Star di mantenere i propri territori nel Kurdistan meridionale fino ad oggi e di continuare ad essere attivi in tutte le aree del Kurdistan settentrionale è principalmente legata a questa professionalità. Il concetto di guerriglia moderna non si basa più esclusivamente sulla tattica di guerriglia classica, ma si professionalizza in tutti i punti della guerra e della rivoluzione. La guerriglia moderna deve essere salda nelle proprie convinzioni ideologico-politiche, determinata nella costruzione del socialismo nel 21° secolo: una guerriglia della modernità democratica, una guerriglia della società democratica, ecologica e della libertà delle donne. Il guerrigliero moderno deve essere un soldato: cioè disciplinato e organizzato. Il guerrigliero moderno deve conoscere il nemico e conoscere se stesso, muoversi secondo le circostanze e le condizioni, ed essere specializzato nelle armi a sua disposizione. I fondamenti della guerriglia classica sono ancora validi, ma la guerriglia moderna si organizza secondo le capacità tecniche in continua evoluzione degli stati e dei governanti. Di conseguenza, la guerriglia moderna trova le proprie risposte creative alle caratteristiche in continua evoluzione della guerra di oggi. Sebbene la quantità non perda la sua importanza, nella guerra moderna la qualità ha la precedenza su quantità, e questo è particolarmente vero per la guerriglia. Uno dei motivi principali per cui il movimento di liberazione curdo continua ad essere criminalizzato a livello internazionale ed emarginato politicamente-diplomaticamente-economicamente, perché gli Stati Uniti e l’Europa sostengono e finanziano con tutti i mezzi la guerra della Turchia contro il PKK, perché Abdullah Öcalan continua a essere tenuto in isolamento, e perché al Rojava non viene dato uno status ufficiale a livello internazionale, è la forza radiante che una guerriglia di successo contro uno stato della NATO potrebbe avere nel 21° secolo. Gli imperialisti temono che il modello del XXI secolo di “guerriglia moderna e professionale” possa diventare un esempio e un modello per altri popoli e lotte sociali in tutto il mondo. Immagina, se hanno già problemi così grandi con la guerriglia in Kurdistan e non riescono a distruggere il PKK per più di 40 anni, cosa accadrebbe se 2, 3, molti moderni movimenti di guerriglia emergessero in diverse parti del mondo? E se 2, 3, diversi movimenti di lotta adottassero questo modello?

La situazione della Turchia, la guerra in Kurdistan e la NATO

La NATO guidata dagli Stati Uniti teme un simile scenario. Una guerriglia socialista che sconfigge un esercito della NATO nel 21° secolo? Uno scenario horror per i governanti capitalisti. Dopotutto, non è stato solo 30 anni fa che la bandiera del socialismo sarebbe stata messa a riposo? Non è stata proclamata la fine della storia? La risposta dolorosa per i capitalisti è: in Kurdistan, nella guerra contro la NATO, nella resistenza contro il fascismo turco, la storia continua a essere fatta con fiducia in se stessi e nulla è stato ancora deciso; quelli che si credevano morti sono vivi. Conosciamo la storia della guerra speciale della NATO nel XX secolo, nel corso della quale tutto è stato fatto in tutto il mondo per liquidare, distruggere, assimilare e liberalizzare i movimenti comunisti e socialisti. La Turchia era ed è anche un luogo di intensa guerra speciale. Colpi di stato, pogrom, media coordinati dallo stato, torture, massacri, esecuzioni extra-legali, terrorismo paramilitare, arresti di massa, menzogne, droga, prostituzione, corruzione, ricatti, ecc. fanno tutti parte del repertorio fisso dello stato turco, fanno parte del repertorio fisso per il mantenimento del potere di ogni membro della NATO. Non è una novità, ma diventa più attuale per le divulgazioni pubbliche del Contra Sedat Peker – che condivide da tempo su Youtube parti delle sue conoscenze al grande pubblico, riguardanti le trame del deep state in Turchia e la partecipazione di diverse personalità a questi schemi. È ovvio che dietro questi fatti si ravvisa un grave conflitto di potere all’interno dello Stato turco, ed è altrettanto chiaro che Erdoğan è stato messo sotto pressione. Ma mostra la situazione critica in cui si trova la Turchia. L’economia è in declino da anni e, se non fosse stato per le regolari iniezioni finanziarie da parte dell’UE e degli Stati Uniti, la Turchia probabilmente non sarebbe stata più in grado di reggersi in piedi così facilmente. A livello nazionale, sta bollendo; il governo Erdoğan-Bahceli potrebbe conservare il proprio potere negli anni – da un lato con false promesse e dall’altro con una brutale repressione -, ma la storia dimostra che ciò non durerà per sempre. In termini di politica estera, la Turchia ama mostrarsi sicura di sé e indipendente, ma alla fine dipende dalla buona volontà degli Stati Uniti e dei potenti attori dell’UE, ovvero Germania e Gran Bretagna.

Anche se la Turchia si presenta come militarmente invincibile e si è fatta un nome negli ultimi anni con un’ampia varietà di missioni all’estero, come in Armenia-Karabakh, Libia, Siria settentrionale e Iraq settentrionale, la guerra sta pesando immensamente sulle forze del stato. La resistenza del Movimento di liberazione curdo non sta dando tregua alla Turchia, sta prosciugando le sue risorse economiche, politiche, diplomatiche e sociali. Il fascismo turco è sull’orlo di un precipizio, e si aggrappa con tutte le sue forze alla gamba delle superpotenze imperialiste per non scivolare. Il governo AKP-MHP potrebbe non mostrarlo apertamente e i media coordinati dallo stato potrebbero dipingere un quadro diverso, ma la sola realtà che, come spiegato da Murat Karayilan del Comando generale dell’HPG, lo stato turco ha provato più volte negli ultimi mesi attraverso intermediari per far dichiarare al PKK un cessate il fuoco, anche con l’offerta che se i guerriglieri si fossero ritirati dal Kurdistan settentrionale, allora avrebbero potuto fare ciò che volevano nelle altre parti del Kurdistan, questo spiega molto bene la situazione della Turchia.

È vero che è un momento difficile in Kurdistan. Ogni giorno, grandi donne e uomini, compagni perdono la vita sui vari fronti del Kurdistan. La NATO, guidata dagli USA e cona la Turchia nel ruolo di esecutore, continua la sua campagna di distruzione contro il PKK e il movimento di liberazione curdo. Che si tratti di amministrazione democratica o repubblicana negli Stati Uniti, le parole possono essere diverse, ma la strategia rimane la stessa: questo è stato chiarito subito dopo che Biden ha assunto la presidenza dando il via libera all’operazione a Gare. Proprio di recente, la taglia sui principali compagni del PKK, che esisteva dal 2018, è stata rinnovata e allo stesso tempo è iniziata la guerra attualmente in corso a Metîna, Zap e Avaşîn. I nostri compagni combattenti in Kurdistan che lottano per la libertà stanno attraversando un momento difficile. In montagna, i guerriglieri vivono sotto costante sorveglianza aerea, il che significa la morte se fanno una mossa sbagliata. Il ronzio dei droni e il tuono dei jet F-16 si interrompe a malapena. È proprio questo momento difficile che ci impone a livello internazionale di fare tutto ciò che è in nostro potere per sostenere la resistenza. È anche proprio questo momento difficile che crea grandi speranze per la distruzione del fascismo turco.

Il ruolo del KDP: tradimento e collaborazionismo

Il ruolo del KDP in particolare durante questo periodo è critico. Per anni è stato impegnato al servizio della Turchia e in particolare dell’intelligence turca. Con la scusa di condurre relazioni politico-diplomatico-economiche con lo Stato confinante a beneficio del proprio popolo, gran parte del Kurdistan meridionale è stato direttamente o indirettamente consegnato alla Turchia. Sono state stabilite dozzine di basi militari turche e il MIT si muove e si comporta a Hewler/Erbil, Duhok e Zaxo proprio come fa ad Ankara, Istanbul e Izmir. La Turchia e in particolare l’AKP considerano il Kurdistan del Sud fino a Mosul e Kerkuk come parte del loro territorio da rivendicare e sono determinati a creare problemi nella regione entro il 2023, centenario del Trattato di Losanna, che consentirà loro di espandere i propri confini. Il più grande ostacolo a questo è il PKK e la sua guerriglia. Il Trattato di Losanna è stato l’ultimo trattato internazionale che ha stabilito i confini della Turchia dopo il crollo dell’Impero ottomano nel 1923. Erdoğan, insieme all’AKP, rivendica da anni per conto della Turchia il territori precedentemente dominati dall’Impero Ottomano prima che fosse deciso il Trattato di Losanna, sostenendo ripetutamente che la Turchia era stata defraudata della sua terra in quel momento. Ora il KDP, guidato dal clan Barzani, ha aperto da anni le porte alla Turchia a tutti gli effetti, e la Turchia si sta comportando nei confronti del Kurdistan meridionale come se fosse un altro distretto sotto la sua amministrazione. Non è una novità: negli anni ’90, la Turchia (con l’approvazione della NATO) ha utilizzato I peshmerga del KDP per dissuadere i guerriglieri dalla loro offensiva nel nord e per logorarli con una guerra su due fronti. Oltre al lavoro di sorveglianza dell’intelligence nel Sud, che negli ultimi anni ha più volte permesso alla Turchia – come si suol dire – di “eliminare” gli amici della guerriglia, tra cui in particolare alcuni esponenti della leadership, la Turchia utilizza da mesi il KDP per accerchiare e per restringere le aree di difesa di Medya e per isolare le diverse aree l’una dall’altra. Allo stesso tempo, si intende con ciò provocare una guerra tra il KDP e il PKK. Il KDP sta consapevolmente giocando con il fuoco, ma non dichiara guerra; invece, attraverso provocazioni, menzogne e trame, sta cercando di mettere la guerriglia in una posizione in cui è costretto ad attaccare, per poter incolpare il PKK di una cosiddetta “guerra fratricida”, e quindi diffamare e delegittimare il PKK in tutte le parti del Kurdistan e della diaspora. Ovviamente tutto questo avviene in coordinamento e con l’approvazione di USA, Gran Bretagna e Germania. Le potenze imperialiste hanno deciso di distruggere il PKK ad ogni costo. Lo stesso KDP si è comunque venduto decenni fa e ha fatto dipendere la propria esistenza dalla cooperazione con gli occupanti del Kurdistan e gli imperialisti. In sintesi, possiamo definire PKK e KDP come l’espressione concreta di due linee fondamentalmente diverse in Kurdistan. Visto in questo modo, il KDP è l’espressione del tradimento contro il proprio popolo e della collaborazione con il nemico, mentre il PKK è l’espressione della resistenza costante e dell’attaccamento ininterrotto al proprio paese e al proprio popolo. Questa distinzione descrive la situazione attuale nella regione e la posizione delle varie forze.

La guerriglia non è sola: noi la sosteniamo

La NATO, la Turchia e il KDP stanno perseguendo una strategia di isolamento e divisione. Geograficamente, le aree di guerriglia devono essere separate l’una dall’altra e il Rojava deve essere isolato dal resto del Kurdistan. Le diverse regioni vengono accerchiate, a livello politico-diplomatico, oltre che economico, emarginate e isolate, facendo pressione e innalzando a livello internazionale un muro di antipropaganda. Noi ci opponiamo e diciamo chiaramente che i guerriglieri non sono soli! Così come sosteniamo la rivoluzione in Rojava, sosteniamo anche la guerriglia, perché abbiamo capito che non c’è differenza tra loro. L’uno condiziona l’altro e viceversa. Allo stesso modo, si deve comprendere che la guerra nel sud è sia una continuazione dell’invasione in Rojava sia l’appunto per una nuova invasione in Rojava. Quando l’operazione a Gare è iniziata a febbraio, non era chiaro nei giorni precedenti dove lo stato turco avrebbe colpito e così come era probabile un’operazione contro le aree di difesa di Medya, un’operazione su vasta scala contro Şengal e Rojava, in particolare la regione tra Qamislo e Derik, era anche possibile. A livello internazionale, è importante mostrare con decisione solidarietà alla guerriglia e agire attivamente contro il fascismo turco, le sue istituzioni internazionali, i suoi aiutanti, sostenitori e beneficiari, e contro il KDP. In questo modo, possiamo dare il nostro contributo alla rivoluzione e assumere e rappresentare una coerente posizione anticapitalista e antimperialista.

A nome della campagna RiseUp4Rojava dichiariamo in questo contesto il nostro sostegno alla neonata iniziativa “Defend Kurdistan” e inviamo i nostri saluti ai compagni coinvolti. Inoltre, inviamo i nostri saluti a tutti i combattenti che resistono in prima linea a Efrîn, Eyn Isa, TilTemir, Metîna, Zap e Avaşîn!

Insieme, sconfiggeremo il fascismo turco, difenderemo il Kurdistan e costruiremo la vita libera!

We continue to #UniteInResistance

We will #SmashTurkishFascism

We #RiseUp4Kurdistan

We #RiseUp4Rojava

Campagna di coordinamento RiseUp4Rojava,

29 giugno 2021