Appena un giorno dopo che le forze democratiche siriane hanno annunciato la loro vittoria sulle bande dello Stato islamico ad Hasakah, la sera del 1° febbraio decine di aerei da combattimento dell’aviazione turca hanno bombardato contemporaneamente obiettivi in Rojava, a Sengal e nel campo profughi di Maxmur. Gli attacchi, iniziati alle 22:00 ora locale, sono durati in totale tre ore e hanno colpito diversi villaggi della regione di Derik, il monte Sengal e la città di Xanesor, il campo profughi autogestito di Maxmur e i suoi dintorni. La propaganda del fascismo turco celebrava i bombardamenti la sera stessa sotto il nome di “Operazione Aerea Winter Eagle”.

Il 2 e 3 febbraio le truppe turche hanno bombardato i villaggi della regione di Dêrik con artiglieria e mortai. La regione di Dêrik è una regione in cui finora si erano verificati pochi attacchi.

Il 3 febbraio, diverse posizioni delle forze democratiche siriane sono state attaccate vicino a Dirbesiye e un veicolo è stato bombardato da droni da combattimento turchi.

Ogni giorno si verificano attacchi anche vicino a Tel Temir, Sheba e Ain Issa.

Ci aspettiamo che questi attacchi continuino con crescente intensità.

Non è un caso che gli attentati avvengano proprio in questo momento, sono bensì l’ultimo aggravamento degli sviluppi degli ultimi mesi. Dallo scorso autunno, il regime fascista dell’AKP-MHP non perde occasione per minacciare di invadere ancora le aree liberate della Federazione Democratica, terrorizzando la popolazione civile con bombardamenti indiscriminati di artiglieria e incursioni in prima linea, assassinando inoltre funzionari dell’amministrazione autonoma, attivisti del movimento giovanile e chiunque stia fermamente dalla parte della rivoluzione con subdoli e mirati attacchi di droni.

Gli attacchi del fascismo turco sono soprattutto una reazione diretta alla sconfitta delle loro bande islamiste ad Hasakah, dove la popolazione organizzata e armata della Siria del Nord-Est, con le proprie forze di difesa e sicurezza, è riuscita ancora una volta a sconfiggere i terroristi dello Stato Islamico dopo una settimana di intensi combattimenti. L’attacco ad Hasakah, iniziato il 20 gennaio, quarto anniversario dell’assalto turco ad Afrin nel 2018, mirava non solo a liberare alcuni islamisti detenuti, ma a prendere di nuovo il controllo dell’intera area compresa tra Hasakah, Deir-Ez-Zor e Raqqa e ad annunciare ancora una volta l’istituzione del califfato, che è stato schiacciato nel 2019.

Il sostegno alle bande islamiste da parte dello Stato turco persegue l’obiettivo di distruggere le amministrazioni autonome della Siria del Nord-Est e di Şengal. Il fascismo turco non può permettersi di tollerare il confederalismo democratico e la convivenza multietnica appena oltre i propri confini, è una sfida troppo grande per il suo governo fascista e razzista.

La recente intensificazione degli attacchi a Rojava, Şengal e Maxmur fa parte di una strategia a lungo termine per schiacciare il movimento di liberazione curdo entro il 2023. Il fascismo turco sta estendendo i suoi attacchi a regioni come Dêrik, che sono state poco colpite dalla guerra nella Siria del Nord-Est.

Dobbiamo opporci fermamente ai nuovi attacchi! Gli attacchi al Rojava sono anche attacchi ai nostri sogni e desideri di una società liberata e democratica.

Di conseguenza, gli attacchi al Rojava sono attacchi alle forze democratiche, antifasciste e antimperialiste di tutto il mondo!

Il fascismo turco dipende dal sostegno politico ed economico degli stati capitalisti imperialisti e delle loro imprese industriali.

Senza gli stati della NATO, le esportazioni e gli investimenti di armi, il fascismo turco non sarebbe in grado di compiere i suoi attacchi.

È da qui che dobbiamo iniziare, le forze del capitale e del potere sono interconnesse a livello internazionale e gli stati imperialisti sono in una guerra comune contro la società. Pertanto, la nostra resistenza è una resistenza internazionale, dobbiamo contrassegnare, bloccare e chiamare a rispondere i sostenitori e collaboratori nei nostri paesi, nei nostri stati.

Blocca l’industria delle armi, le banche di investimento e i fondi che investono nell’economia turca.

È nostro obbligo come forze democratiche internazionali agire risolutamente contro gli attacchi del fascismo turco e formare contro di esso un fronte internazionale!

È nostro compito porre fine al regime AKP-MHP nel 2023!

Attivati! Blocca, Disturba, Occupa!

Riseup4Rojava!

La rivoluzione in Rojava vivrà! Il fascismo turco verrà distrutto!

Riseup4Rojava-Coordinamento 03.02.2022